il Padovanino

dicembre 19, 2006

Lettera ad Italians e risposta

Filed under: segnalazioni,Uncategorized — rikileo @ 9:41 am

Leggete qua:

Italians

Come potevo non inorridire e rispondere a tono?

Il centro storico di Vicenza.

Caro Beppe,
come non sentirsi chiamati in causa dalla lettera di ieri di Kiara-con-la-kappa? Sono vicentino, ventitreenne, e cerco di fare il giornalista. Da più di tre anni scrivo spesso sulla pagina economica de “Il giornale di Vicenza”, il maggior quotidiano locale. A Confindustria Vicenza – una delle sedi più importanti a livello nazionale – sono quasi di casa. So di cosa parlo, dunque.
Tornando alla città del Palladio: il problema c’è, ed è pure grosso, inutile negarlo. Nella consueta indagine de “Il Sole24ore” sulle province italiane uscita ieri, siamo scesi di 23 posizioni in un anno (23!). Penso si avvicini ad essere peggior risultato parziale d’Italia. Vogliamo davvero pensare che la vera causa del problema siano i pochi giovani fighetti che sostano sotto le colonne di Piazza dei Signori ? Suvvia! Già così è assurdo. Se poi si pensa che a Vicenza il ricambio generazionale è rimasto bloccato a una generazione e mezza fa, l’ipotesi diventa addirittura risibile. Qui i vecchi imprenditori rimangono spesso legati alla propria azienda come cani col proprio osso, e se cedono l’impresa lo fanno solo in favore dei figli.
Te lo dico io qual’è uno dei primi problemi di Vicenza e dell’Italia in generale: che se hai meno di trent’anni, qualunque siano le tue capacità e competenze, vali poco più di zero. E, poi, ovviamente, qualcuno se la prende grossolanamente con le nuove leve se le cose vanno male. Ma via… ragioniamo!
Dieci giorni fa ho intervistato a quattr’occhi Massimo Calearo, presidente Assindustria Vicenza, nonché di Federmeccanica Nazionale e braccio destro di Montezemolo. È convinto che Vicenza stia affrontando una trasformazione in positivo: i settori forti tradizionali sono stati finora affossati dagli arrembanti paesi emergenti, ma ora ci stiamo riprendendo. Sarà. Certo è che se si pensa a dare giudizi frettolosi e grossolani sui giovani invece che incoraggiarli e ascoltarli, sarà difficile cambiare davvero. E i giovani preparati e volenterosi qui ci sono: magari basta solo cercarli qualche metro fuori da Piazza dei Signori il sabato pomeriggio.

Cosa ne pensate di questa faciloneraia e grossolana sufficienza con cui noi giovani dobiamo continuamente confrontarci? Oltre al danno di fare una fatica boia a trovare lavoro e fiducia, pure la beffa di essere additati come responsabili: non è un po’ troppo?

1 commento »

  1. Colpa dei giovani?
    Cito quello che ci ha detto ieri sera Marchesini: il programma del suo corso…negli Stati Uniti lo fanno alle elementari.
    Non ho altro da aggiungere.

    Commento di amileti — dicembre 20, 2006 @ 1:16 pm | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: